VODKA CONTEST - aprile/maggio 2016 – numero 73


Barlady e barman, create due cocktail con Purity

di Leila Salimbeni
L’ambizione è una sorta di lavoro. Questo sosteneva l’artista e filosofo libanese Khalil Gibran a proposito di una pulsione che, nella migliore delle sue declinazioni, è alla base di ogni carriera lavorativa, di ogni ascesa sociale e, perché no, di ogni lavoro spirituale. Di certo l’ambizione può esser cosa serissima poiché descrive il più delle volte una parabola ascendente, una parabola che in questa nostra come nelle migliori storie ha il suo punto di arrivo nel suo punto di inizio. Si tratta di Purity Vodka che, un po’ per esegesi un po’ per merito, sta scrivendo la storia della mixology contemporanea. Cento le medaglie d’oro inanellate nell’ambito dei principali concorsi di degustazione alla cieca di tutto il mondo, un successo annunciato in nuce nei propri illustri natali in quella che abbiamo appunto chiamato «esegesi» poiché di questo si tratta essendo Purity, a tutti gli effe ...

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTERO COMPRA IL NUMERO IN PDF

EDICOLA ON LINE
    
GLI EVENTI DI SWAN GROUP