ARGENTINA (MALBEC DEI DUE MONDI) - aprile/maggio 2016 – numero 73


L’altitudine è la chiave della qualità

Parola di Pierre Lurton, già a capo di Cheval Blanc e Château D’Yquem, che nelle vigne a 1.100 metri di Terrazas des los Andes a Mendoza realizza vini all’altezza dei suoi grandi Bordeaux

di Pierluigi Gorgoni
The altitude is the key. Si parla in inglese qui in Francia ai giornalisti internazionali, dentro le sale dello Château Cheval Blanc, a Saint-émilion, uno dei templi del vino più prestigiosi al mondo. L’argomento che tiene banco è il terroir da cui prende forma uno dei più eminenti vini del Sudamerica, lo Cheval des Andes prodotto a Mendoza, in Argentina, là dove monsieur Pierre Lurton (già alla testa dello Château Cheval Blanc, appunto, e dello Château d’Yquem, tra gli altri) e Terrazas de los Andes hanno stabilito nel 1999 una joint venture subito ispirata dai principi della migliore qualità possibile. Senza compromessi. Per un vino del territorio che portasse pure un’inflessione francese nella sua espressione. Questo concetto mi veniva proposto a ogni sorso, non solo a parole, ascoltando i vini e l’entusiasmo contagioso di Lorenzo Pasquini, technical manager della tenuta argentina, italiano, g ...

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTERO COMPRA IL NUMERO IN PDF


EDICOLA ON LINE
    
GLI EVENTI DI SWAN GROUP