ALTA GRADAZIONE - dicembre/gennaio 2016 – numero 71


Puro verdicchio

La Grappa ottenuta da vitigni bianchi, se non marcatamente aromatici, non permette di risalire al vitigno di partenza con facilità e immediatezza; a meno di non leggere l’etichetta. Per sfatare questo assunto ci si sono messi in due, anzi in tre. I primi sono i «Marolo brothers» della premiata distilleria Santa Teresa, seguiti da Aldo Cifola con la sua azienda chiamata La Monacesca, e infine il Verdicchio, quello di Matelica però. L’ensemble ha creato una grappa di Verdicchio di Matelica in grado, grazie a un finale mandorlato molto nitido, di mantenere viva l’identità gustativa con il vitigno di partenza, producendo al tempo stesso una grappa armonica e di grande franchezza.

EDICOLA ON LINE
    
GLI EVENTI DI SWAN GROUP