PATRIMONI PIEMONTESI - dicembre/gennaio 2016 – numero 71


Quei 300 ettaridi Vite Colte

di Emanuele Alessandro Gobbi
È stato presentato a novembre, nella sede della Cantina Terre da Vino a Barolo, il nuovo progetto che avrà come marchio «Vite Colte» e che da gennaio 2016 firmerà tutti i vini d’eccellenza dell’azienda. Si tratta di un’iniziativa che affonda le sue radici negli anni 90, quando si decise di proporre sul mercato un’etichetta figlia di questa filosofia: il vino venne chiamato allegoricamente Super Barbera e diede poi origine alla Barbera d’Asti Superiore La Luna e il Falò, ancora oggi referenza simbolo di questa grande cantina cooperativa. Vite Colte ha una storia fatta di tanti mondi che si intrecciano, generazioni di famiglie, persone che hanno accettato di lavorare insieme per un obiettivo comune: quello di difendere e conservare il proprio patrimonio con la costante e assidua presenza sul territorio, nel vigneto, in quello straordinario paesaggio viticolo piemontese che è oggi patrimonio dell’umanit&agr ...

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTERO COMPRA IL NUMERO IN PDF

EDICOLA ON LINE
    
GLI EVENTI DI SWAN GROUP