VISTI DA NEW YORK - Agosto/Settembre 2015 – numero 69


Un’estate in bianco tra Falanghina e Orange wine

di Marco Melzi
La grande calura estiva invoglia i newyorkesi al consumo di vino bianco. Sebbene Prosecco e Pinot grigio siano sempre assai popolari, i professionisti del settore pare quasi facciano a gara per individuare aree di produzione e tipologie meno note da proporre ai propri clienti enofili. Quest’anno è di gran voga il Giura, regione alpina francese nota in passato soprattutto per il Vin Jaune, rara specialità affine allo Sherry. A New York i più accaniti difensori delle peculiarità enoiche sono convinti che i bianchi provenienti dalla remota denominazione siano di livello pari a quello dei rinomati Borgogna, e ciò, assommandosi alla modesta capacità produttiva delle aziende «cult», ne ha già causato un considerevole aumento di prezzo, nonostante il dollaro sia in forma migliore che nel recente passato. La nostra impressione è che l’infatuazione per i vini del Giura rimarrà circoscritta a una nicchia di pr ...

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTERO COMPRA IL NUMERO IN PDF

EDICOLA ON LINE
    
GLI EVENTI DI SWAN GROUP