ISOLE (ANTEPRIMA IN SORSI) - Agosto/Settembre 2015 – numero 69


Abbiamo lo sguardo verso l'orizzonte

L’ultima edizione di Sicilia en primeur è stata l’occasione per Assovini di comunicare al mondo la sua missione: trasmettere l’unicità e la varietà del terroir di Trinacria

di Alessandra Piubello
«Se vogliamo che tutto rimanga com’è, bisogna che tutto cambi». Caro Principe di Salina (Tancredi Falconieri?), mi sei parso sbalordito a Taormina nei tuoi abiti fuori moda. Tanto che la tua gattopardiana figura antica, sempre un’ombra difficile da scacciare, si è dissolta definitivamente al convegno della grintosa squadra di Assovini. Siciliani sonnecchianti, affetti da immobilismo, ripiegati su se stessi? Commercianti di vini da taglio e di uve? Ma in che epoca sei rimasto? Senti senti, che ti racconto una storia interessante. 1998: tre famiglie storiche del mondo del vino siciliano, Planeta, Donnafugata, Tasca d’Almerita, nelle figure di Diego Planeta, Giacomo Rallo e Lucio Tasca d’Almerita fondano un’associazione imprenditoriale, Assovini. Sanno che solo unendosi possono trasmettere al mondo l’unicità del terroir e del sangue terricolo trinacriese. Lavorano per attorniarsi di imprenditori vitivinicoli che puntino ...

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTERO COMPRA IL NUMERO IN PDF


EDICOLA ON LINE
    
GLI EVENTI DI SWAN GROUP