I TRE TENORI DEL SUD - Giugno / Luglio 2015 - Numero 68


Le pugliesi genti alla riscossa

di Leila Salimbeni
Una regione lunghissima la Puglia, sconfinata tanto nell’orpello costiero quanto nel dettaglio di un entroterra ondulato, percorso da rocce calcaree, carsiche e marnose, comunque aride mancando di veri e propri fiumi. Già scalpita l’enofilo che ha carpito, tra le righe, la parola magica: vino. E ha ragione giacché ivi prosperano almeno tre eccellenze le cui radici profonde estraggono, come in un processo di traduzione dal sottosuolo, il concentrato estratto della terra di Puglia mediato dal mosaico delle rocce che la compongono. Si tratta dei «tre tenori», come li ha affettuosamente ribattezzati l’entusiasta e abile assessore regionale all’Agricoltura Fabrizio Nardoni: Negroamaro, Primitivo e Nero di Troia, espressione, ciascuno, di una zona peculiare. Quella del nord della regione è calibrata sul Nero di Troia che dona un nettare tutto imperniato di raffinatezza e garbo. Quindi, la Manduria, ma soprattutto la Murgia, che sono c ...

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTERO COMPRA IL NUMERO IN PDF

EDICOLA ON LINE
    
GLI EVENTI DI SWAN GROUP