PERLE DAL SALENTO - Giugno / Luglio 2015 - Numero 68


Il Mediterraneo in bottiglia

di Emanuele Alessandro Gobbi
Guardi il Salento rimani stregato da ulivi secolari e vigneti ad alberello, da distese di orti e frutteti, da macchie di querce e nodosi carrubi, da terreni marcati da muretti a secco e strade vicinali; ma anche da masserie e cortili, da basiliche barocche e torri aragonesi, da chiese bizantine e fortificazioni romane. Guardi il Salento e ogni cosa sembra mescolarsi e confondersi nell’altra in un arcobaleno di luci e colori, in un miscuglio cromatico acceso e differente, nella brezza intensa e armoniosa dell’Adriatico e dello Ionio che non trascende mai. Etimologicamente Terra tra due Mari, il Salento è un esuberante caleidoscopio di tradizioni, paesaggi ed emozioni. Nei pressi di Tuglie, delizioso borgo adagiato sulle propaggine delle Serre Salentine, noto soprattutto per un importante patrimonio storico-archeologico, Pasquale Mottura inizia la sua avventura vitivinicola. Inizia in questo modo, è il 1927, un arduo lavoro con l’obiettivo di contribuire a ...

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTERO COMPRA IL NUMERO IN PDF

EDICOLA ON LINE
    
GLI EVENTI DI SWAN GROUP