STORIA DEL GUSTO - febbraio/marzo 2014 - Numero 60


La rinnovata consapevolezza di chi ha creato il Brut

di Leila Salimbeni
Asei anni dalla nascita della filiale italiana Vranken-Pommery, con il recente trasferimento dai colli piacentini a Milano, l’amministratore delegato per l’Italia, Mimma Posca, spiega a Spirito diVino la nuova centratura del gruppo. Domanda. A circa un anno dal suo insediamento, che bilancio fa dei traguardi raggiunti da Vranken-Pommery? Risposta. La Maison ha saputo imporsi come una realtà imprenditoriale molto particolare, con un focus definito, incentrato sull’unicità e sulla non replicabilità dell’esperienza sensoriale. Questo per quanto riguarda i traguardi preposti in micro. Certo è che se dovessimo gettare uno sguardo più generale, bisognerà riconoscere che in pochi anni siamo diventati il secondo player di ranking a livello mondiale. D. A proposito della filiale italiana, ci vuol raccontare la sua genesi e le sue specificità rispetto alle altre filiali? R. Mi dà lo spunto per una storia da raccon ...

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTERO COMPRA IL NUMERO IN PDF

EDICOLA ON LINE
    
GLI EVENTI DI SWAN GROUP