CONTROEDITORIALE - dicembre/gennaio 2014 - numero 59


Superando le mistificazioni del chilometro zero

di Andrea Grignaffini
Avvertenza ai lettori. Quello che state per leggere è un controeditoriale sul chilometro zero. Come tale cercheremo di affrontare, smontandola, gran parte dell’impalcatura concettuale che alberga dietro a quest’idea, di per sé già abbastanza trita. Per sua natura, lo diciamo subito, si tratterà di un pezzo che cercherà di portare qualche dato a partire da un ventaglio di opinioni personali. Sicuramente, già sappiamo che a qualcuno il testo che segue potrebbe provocare fastidio, o risultare urticante. Chiariamolo subito, non si tratta di un esito voluto, ma solo del naturale effetto di quella che alcuni hanno identificato con la bellezza della molteplicità del pensiero umano, di cui quella che segue è appunto solo una delle tante e indefinite variabili. Precisiamolo con chiarezza: negli ultimi tempi si è avuto un bel dire e ridire sul km zero, ce ne siamo anzi riempiti la bocca a tal punto da esser diventati tu ...

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTERO COMPRA IL NUMERO IN PDF

EDICOLA ON LINE
    
GLI EVENTI DI SWAN GROUP