ALTO ADIGE (LA RADICE DEL TERRITORIO) - Dicembre / Gennaio 2015 - Numero 65


L’incantesimo del maestro di magia bianca

Il vino Appius 2010 è il sogno esaudito di Hans Terzer, che suggella quasi 30 anni di excursus come enologo e responsabile della Cantina San Michele Appiano

di Laura Di Cosimo
Se «i sogni son desideri», come racconta una famosa fiaba, quello di Hans Terzer, affermato kellermeister della Cantina San Michele Appiano, era di realizzare un «vino da sogno». Ora questo vino tanto atteso è arrivato, si chiama Appius e interpreta l’annata 2010. Un vino che suggella soprattutto la storia professionale di Hans Terzer: un cammino fatto di esperienze sul territorio, assaggi e sperimentazioni, lavoro e impegno, sempre accanto ai soci produttori della cantina altoatesina, che va a racchiudere quasi trent’anni di excursus lavorativo come enologo e responsabile della Cantina San Michele Appiano. «Dovevo attendere il momento giusto» dice Hans, «perché il vino Appius rappresenta per me un’immagine innovativa e forte, che dovrà esser capace di stupire e sorprendere ogni anno». Già dal nome prescelto, i richiami al luogo di origine sono evidenti: Appius è la radice storica del n ...

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTERO COMPRA IL NUMERO IN PDF


EDICOLA ON LINE
    
GLI EVENTI DI SWAN GROUP