ROSSI & CO. - Ottobre / Novembre 2014 - Numero 64


Artigiani del tempo

P rotagonista di un approccio glocal al mondo del vino, Lunelli si ribattezza Tenute Lunelli, un marchio che rivendica oggi, oltre alle storiche etichette di Trentodoc, anche la paternità di una scuderia di vini fermi concepiti col dogma dell’espressività territoriale e col pallino della longevità, realizzata attraverso il lavoro di una squadra di «artigiani del tempo» rappresentati, nelle etichette, mediante la simbologia delle fasi lunari. La prima scuderia è quella della genitrice terra di Trentino: è Tenuta Margon, col suo Chardonnay (quasi in purezza); il Pinot nero di Maso Montalto, e il blend Pietragrande, esito del matrimonio tra Chardonnay e Sauvignon. Tra i dolci declivi delle colline pisane della Tenuta Podernovo, sul poggio di Terricciola, si trovano poi le ragioni della trama ricercata e suadente di Teuto, un Sangiovese quasi in purezza, e di Aliotto, riuscito blend di toscanità che arriverà sul mercato nell’ottobre 2014. Sono questi, tra le altre cose, i primi vini biologici firmati da Lunelli. Infine, in Umbria lo scrigno finale della produzione ferma, nella piccola Docg di Montefalco dove la Tenuta Castelbuono spicca col suo Carapace, la scultura-cantina di Arnaldo Pomodoro da cui sortiscono vini importanti, summa delle straordinarie caratteristiche della Docg Sagrantino. Gruppo Lunelli www.cantineferrari.it

EDICOLA ON LINE
    
GLI EVENTI DI SWAN GROUP