VINO&FINANZA - Aprile/Maggio 2013 - Numero 55


Orsi e tini, l’etichetta è una questione di business

In ambienti romani vicini alle ambasciate gira voce che non sarà l’unica acquisizione. «Diffi cile dire quando ci saranno nuove tappe nell’espansione vinicola della famiglia Bulgheroni», spiega una fonte sudamericana. «Di certo le risorse non mancano per mettere in piedi un grosso progetto di impresa nel vino». L’imprenditore argentino, Alejandro Bulgheroni (sotto), che ha appena acquistato a Montalcino 134 ettari di terreno (di cui 25 a vigneto) da Stefano Cinelli Colombini per circa 15 milioni di euro, è destinato quindi a diventare un nuovo protagonista del mondo vitivinicolo italiano. E non solo: l’industriale argentino, nato a Rufi no, Santa Fe, è un nome conosciuto fra i magnati internazionali: è al 199° posto nell’elenco dei più ricchi del pianeta stilato dalla rivista Forbes, con un patrimonio 2012 da 5,1 miliardi di dollari costruito grazie al business dell’energia. ...

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTERO COMPRA IL NUMERO IN PDF

EDICOLA ON LINE
    
GLI EVENTI DI SWAN GROUP