ALTA GRADAZIONE - Giugno / Luglio 2014 - Numero 62


Il Gin del barbiere

Barba e Gin. Non stiamo parlando dell’ultima moda della barberia maschile, ma del nuovo Gin, chiamato per l’appunto Barber’s, che è appena arrivato nel nostro Paese grazie alla fratelli Rinaldi importatori. Le affinità tra il bancone del barbiere e quello del barman sono storicamente molte. Innanzitutto l’utilizzo del Gin. In origine questo distillato trovava posto anche nei negozi da barbiere come disinfettante e addirittura come lozione dopobarba. Oggi le similitudini non s’interrompono proprio grazie al Barber’s Gin, il cui sorso ricorda l’affilatura tagliente della lama del rasoio. Un gusto asciutto, generato da un’acquavite di cereali distillata tre volte in alambicchi tradizionali, che viene aromatizzata in fase di distillazione grazie a una serie di ingredienti naturali: i cosiddetti botanicals. La produzione del Barber’s London Dry Gin avviene secondo il metodo più antico, per piccoli lotti, e ogni bottiglia riporta il numero di partita produttiva. La gradazione, fissata a 40% vol, risulta perfetta per apprezzare il Barber’s London Dry Gin sia liscio sia miscelato. Per le sue peculiari caratteristiche aromatiche, si utilizzano bacche di ginepro della Croazia, semi di coriandolo del Marocco e timo spagnolo. Com’è? Le sensazioni balsamiche dei semi di coriandolo inizialmente la fanno da padrone, pur lasciando successivamente il centro del palcoscenico gustativo alla classica nota di ginepro. Fratelli Rinaldi importatori www.rinaldi.biz

EDICOLA ON LINE
    
GLI EVENTI DI SWAN GROUP