CONTROEDITORIALE - Giugno / Luglio 2014 - Numero 62


La cultura del cibo e la geofisica del sushi

di Andrea Grignaffini
Lo scorso aprile il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama e il Primo ministro Giapponese Shinzo Abe sono stati agenti di un caso diplomatico che, da solo, potrebbe riassumere interi trattati di antropologia e semiotica della cultura. Il casus belli? Per la cronaca, del sushi consumato nel corso di un privat dinner all’interno di quello che da molti è considerato il sushi restaurant più importante del mondo, il minuscolo Sukiyabashi Jiro, nella stazione di Ginza, a Tokyo. A un certo punto, davanti al penetrante punto interrogativo del sushi-master-tre-stelle-Michelin più-anziano-del-mondo, Jiro Ono, il Presidente Obama fa qualcosa che, involontariamente, finisce per incrementare la criticità di una discussione già delicatissima attorno al cosiddetto «Pivot to Asia», ovvero la nuova dottrina di sicurezza del Governo cinese a seguito del riposizionamento strategico degli Stati Uniti nell’Estremo Oriente. Ma è proprio n ...

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTERO COMPRA IL NUMERO IN PDF

EDICOLA ON LINE
    
GLI EVENTI DI SWAN GROUP