ESPERIENZE - Aprile / Maggio 2014 - Numero 61


Le sfumature del Merlot

di Mario Giagnoni
Fare un grande vino in una terra senza grandi tradizioni enologiche: che cosa c’è di più affascinante di questa scommessa? Determinazione e fortuna sono sempre alla base di tali successi e anche nella storia di oggi questo mix di fattori è risultato vincente. Siamo nei pressi di Pontremoli, il comune più settentrionale della Toscana, all’estremità nord della Lunigiana. Mirta Fedespina e Antonio Farina, proprietari del Podere Fedespina (www.vino-ca.it), hanno il sogno di realizzare un grande Merlot. Tale uvaggio, già presente nei loro vigneti sin dagli anni 30, avendo trovato un habitat ideale per le similitudini climatiche con Bordeaux, venne espiantato nel dopoguerra per far posto ad altre varietà. La scommessa è stata quella di ricercare i cloni francesi perduti, grappoli ricchi di buccia e poveri di polpa, per dare vini strutturati, ricchi di profumi e tannini. L’anno della svolta è stato il 2010, un&r ...

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTERO COMPRA IL NUMERO IN PDF

EDICOLA ON LINE
    
GLI EVENTI DI SWAN GROUP