STORIA (LETTURE ENOLOGICHE) - agosto/settembre 2016 – numero 75


La rotta del vino di Marco Polo sulla via della seta

Ne Il Milione i viaggiatori del XIII secolo trovarono informazioni preziose sulle abitudini a Oriente. Scoprendo l’onnipresenza del vino. Ma non di uva...

di Luca Govoni
«Signori, imperadori, e duchi e conti e cavalieri, principi e baroni, e tutta gente a cui diletta di sapere diverse generazioni di gente e condizioni del mondo, prendete questo libro, e troverete le grandissime e diverse cose della grande Erminia, e di Persia e di Tartaria e d’India e di molte altre province, come questo libro vi conterà apertamente, come messer Marco Polo viniziano ha raccontato secondo ch’elli vide cogli occhi suoi, moltre altre che non vide ma intesele da savi uomini e degli di fede». Così Marco Polo riferisce nel carcere di Genova al poeta Rustichello da Pisa. I racconti che riscontriamo nel Devisement du monde, poi divenuto Il Milione, dal cognome putativo di Marco, sono quelli di un commerciante che descrive, con dovere di minuzia, luoghi, prodotti, merci, spezie, abiti e abitudini delle popolazioni lungo i Paesi della Via della Seta. L’avventura di Marco Polo, assieme al padre Niccolò e allo zio Matteo, comincia ...

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTERO COMPRA IL NUMERO IN PDF


EDICOLA ON LINE
    
GLI EVENTI DI SWAN GROUP